081 517.82.01
info@cpeconsulting.it
Via G. Garibaldi, 26 - 84014 Nocera Inferiore (Salerno)
Lunedi-Venrerdi 9.00-18:00

Sabato Chiuso

Tel: 081 517.82.01
Mobile: 347.50.43.84

info@cpeconsulting.it

Via G. Garibaldi, 26 - 84014 Nocera Inferiore (Salerno)

Consulenza Qualità

CPE CONSULTING S.R.L.S sviluppa con il cliente le migliori soluzioni gestionali in materia di Sistemi Qualità Aziendali, offrendo i propri servizi di consulenza per la qualità su Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2015 e altri schemi specifici (FMEA).

Il servizio previsto da CPE Consulting S.R.L.S offre:

  • Verifica del Contesto dell’Organizzazione e della Gestione dei Rischi;
  • verifica delle attività, dei processi, dei ruoli e delle funzioni;
  • individuazione del rispetto, documentato, delle normative vigenti;
  • elaborazione della politica aziendale e prima individuazione di obiettivi e relativi indicatori;
  • individuazione e definizione delle modalità di gestione dei processi interni all’azienda e le relative responsabilità;
  • realizzazione ed adozione del Sistema di Gestione;
  • formazione del personale;
  • audit interni con riesame;
  • assistenza durante l’Audit Ente di Certificazione;
  • mantenimento ed implementazione del SGQ
CERTIFICAZIONE UNI EN ISO 9001

Capacità di analisi, visione “sistemica” dei processi, esperienza organizzativa, forte convinzione nell’integrazione dei sistemi e nell’utilizzo di sistemi informatici, sono alcuni degli elementi caratterizzanti il servizio di consulenza in ambito Qualità della nostra realtà. I nostri Clienti riconoscono il contributo del nostro servizio, tanto che la Certificazione ISO 9001 non viene mai vissuta come una mera gestione di una pratica, bensì come un momento di crescita organizzativa e di miglioramento.

La certificazione UNI EN ISO 9001 può essere ottenuta da qualsiasi tipo di azienda indipendentemente dal numero dei dipendenti e indipendentemente dalla tipologia di settore. Hanno ottenuto la certificazione UNI EN ISO 9001 aziende manufatturiere, aziende di servizi, officine di autoriparazione veicoli, studi legali, società di noleggio auto, banche, comuni, ospedali, scuole, etc. La certificazione UNI EN ISO 9001 interessa le aziende che vogliono raggiungere l’eccellenza nella loro organizzazione aziendale, utilizzando la norma UNI EN ISO 9001, riconosciuta a livello mondiale come la migliore norma in tema di efficienza organizzativa.

CERTIFICAZIONE ISO 22000

La norma internazionale “ISO 22000 Food Safety Management System – Requirements for any organization in the food chain” definisce i requisiti per la progettazione e l’applicazione di un sistema di gestione della sicurezza alimentare in ogni azienda della filiera agro-alimentare. La norma ha lo scopo di armonizzare a livello internazionale i diversi standard volontari sviluppati in ambiti nazionali per lo sviluppo e la gestione della sicurezza alimentare attraverso la metodologia HACCP.

La Certificazione ISO 22000 rappresenta l’atto conclusivo di un importante processo riorganizzativo messo in atto dall’azienda che consente, da una parte, di migliorare l’efficienza dei processi aziendali e, dall’altra, di garantire la sicurezza dei prodotti alimentari destinati al cliente ed al consumatore.

La norma può (sarebbe auspicabile) essere applicata da tutte le organizzazioni, direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera agro-alimentare: produttori di mangimi, produttori primari, industrie di prima e seconda trasformazione, operatori del trasporto e della logistica, distributori, produttori di attrezzature e impianti per l’industria alimentare, di materiale per il confezionamento, di prodotti per la detergenza e la disinfezione, etc.
Ogni singolo anello nella catena di produzione è responsabile dell’applicazione dello standard, che però non è volto alla certificazione dell’intera filiera.

CERTIFICAZIONE BRC

Il British Retail Consortium (BRC) rappresenta tutti i maggiori retailer della Gran Bretagna. Lo ‘standard tecnico’ BRC è stato sviluppato da tale organismo per fornire supporto ai retailer nel soddisfare gli obblighi legali così come nell’ottimizzare la gestione ed il controllo dei propri processi organizzativi, in modo da proteggere e garantire il consumatore. Scopo dello standard BRC è quindi quello di omogeneizzare la modalità di verifica dei retailer, fornendo allo stesso tempo alle aziende alimentare gli strumenti idonei a garantire una maggior qualità, sicurezza e salubrità dei prodotti. Per questo motivo la maggioranza dei retailer britannici ha stabilito la certificazione BRC come condizione indispensabile per essere inclusi tra i loro fornitori di prodotti a marchio.

La certificazione secondo questi Standard BRC, rilasciata da soggetto terzi accreditati, non è un obbligo legislativo (per quanto la maggior parte dei Paesi regolamenti gli aspetti relativi alla sicurezza ed igiene alimentare), ma una richiesta, in alcuni casi vincolante, da parte dei clienti (sia produttori, sia distributori).
Infatti, nei settori coperti dagli Standard BRC gli investimenti in pubblicità e in immagine del prodotto sono estremamente elevati e guadagnarsi una reputazione in termini di qualità del prodotto è un procedimento lungo e complesso.
La certificazione a fronte dello Standard BRC è indispensabile per tutte le aziende che vogliono allargare il proprio mercato e vendere i prodotti a marchio della Grande Distribuzione Organizzata. Lo standard Globale BRC per la Sicurezza Alimentare è riconosciuto a livello internazionale in ambito GFSI (Global Food Safety Initiative)
CERTIFICAZIONE IFS

L’International Food Standard ha l’obbiettivo di rendere efficace la selezione dei fornitori di alimenti (“fornitori food”) a marchio della GDO, sulla base della capacità di fornire prodotti sicuri, conformi alle specifiche contrattuali e ai requisiti di legge. IFS si è stabilizzato con un modello riconosciuto sia in Europa che nel resto del Mondo.

Vantaggi della certificazione IFS
  • La riduzione di verifiche ispettive di parte seconda, cioè quelle eseguite dai clienti, con diminuzione dei costi da sostenere, sia diretti (spese relative alle verifiche ispettive), che indiretti (inevitabili rallentamenti dell’attività produttiva in coincidenza delle numerose verifiche ispettive di parte seconda).
  • Le possibili sinergie tra i diversi schemi consentono una riduzione dei tempi e dei costi necessari per le diverse verifiche ispettive.
  • La riconoscibilità internazionale dello Standard che permette di rispondere alle richieste di clienti da tutta Europa.

I nostri consulenti affiancano la vostra azienda nell’analisi di fattibilità e di contesto della tipologia di prodotti al fine di individuare a quale gruppo i vostri prodotti appartengono e quindi l’applicabilità o meno dei requisiti della norma. Successivamente viene eseguita l’analisi dei rischi nella produzione (con il metodo FMEA) e del piano dei controlli (Control Plan). Infine viene implementato e applicato il sistema gestionale integrato IFS-ISO9001

CERTIFICAZIONE UTZ

Il programma UTZ consente agli agricoltori di apprendere metodi agricoli migliori, migliorare le condizioni di lavoro e prendersi più cura dei propri figli e dell’ambiente. Attraverso il programma UTZ gli agricoltori coltivano raccolti migliori, generano più reddito e creano migliori opportunità, salvaguardando l’ambiente e proteggendo le risorse naturali della terra.

L’amministrazione è controllata attraverso il sistema di tracciabilità UTZ, il Good Inside Portal, per assicurare i consumatori e i membri della catena di fornitura. Per garantire la conformità con le procedure di tracciabilità, è necessario che tutti gli utenti della catena di approvvigionamento siano sottoposti a regolari controlli. Questi audit sono eseguiti da revisori indipendenti di terze parti e devono essere eseguiti in base a linee guida rigorose. Queste linee guida, garantendo credibilità e trasparenza lungo tutta la catena, possono essere trovate nel protocollo di certificazione UTZ.

 

Le certificazioni BRCIFS e ISO 22000 sono le più richieste nel settore alimentare; sono volontarie e rappresentano gli standard mondiali di riferimento in tema di igiene e sicurezza alimentare.
Il possesso di queste certificazioni rappresenta un ingresso privilegiato nel mercato della grande distribuzione. Messe a punto dai grandi gruppi di acquisto, queste 3 norme definiscono una serie di requisiti finalizzati alla corretta gestione degli aspetti igienici in tutte le fasi dei processi di gestione, produzione e distribuzione dell’industria di trasformazione alimentare.

H.A.C.C.P:

La Consulenza HACCP consiste nell’analisi dei processi e la raccolta delle informazioni necessarie all’individuazione dei punti di controllo, punti critici di controllo e buone pratiche di fabbricazione aziendali, nonché predisposizione del Manuale Autocontrollo, conforme al Reg. CE852/2004, diagrammi di flusso dei processi di produzione, stesura analisi rischi, consegna documentazione e supporto iniziale all’applicazione.

Il sistema dell’HACCP si basa sull’applicazione di sette regole principali:

  1. Individuazione dei pericoli e analisi dei rischi
  2. Individuazione dei CCP (punti di controllo critici)
  3. Definizione dei limiti critici
  4. Definizione delle attività di monitoraggio
  5. Definizione delle azioni correttive
  6. Definizione delle attività di verifica
  7. Gestione della documentazione